La parola a Fincopp Lombardia. Conferenza stampa a Milano

La parola a Fincopp Lombardia. Conferenza stampa a Milano

La parola a Fincopp Lombardia, la Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico, dopo gli Stati Generali.

Questo l’occhiello del comunicato con cui è stata convocata da Encanto, in collaborazione con DOC – Generici, la conferenza stampa dal titolo “Incontinenza urinaria, costi economici ed emotivi sottostimati”. L’evento ha avuto luogo il 3 Dicembre, a Milano, in C.so Magenta 66. Notevole la partecipazione giornalistica: carta stampata, televisione e internet.

Per Fincopp Lombardia erano presenti

  • Oreste Risi
    Medico Urologo
    Membro del Comitato Scientifico di Fincopp Lombardia e di Fincopp nazionale
  • Pasquale Intini
    Vice Presidente Fincopp Lombardia
    Consigliere di Fincopp nazionale

e moderava i lavori una profesisonista di grande spessore, Nicoletta Carbone, giornalista conduttrice di Radio 24.

Non meno importanti i sottotitoli del comunicato:

  • L’incontinenza è l’ultimo tabù medico che non è ancora stato sconfitto: le donne si rivolgono al proprio medico solo dopo 4 anni e gli uomini dopo 6 perché ci si vergogna e non si ha informazione sulla cura, fino ad oggi molto costosa
  • Oggi il farmaco generico può far risparmiare fino all’80% ai pazienti
  • Il disturbo colpisce 2 milioni di uomini e 3 milioni di donne e abbassa notevolmente la qualità della vita dei pazienti.

Di incontinenza urinaria maschile e femminile – prosegue il comunicato riprendendo le affermazioni di Fincopp – soffrono 5 milioni di italiani e basterebbe una corretta informazione sulle terapie riabilitative e sulla presenza di nuovi farmaci generici per contenere con successo il problema, senza troppi oneri per il portafogli e tornare a una vita normale.

L’incontinenza urinaria infatti non è una malattia che altera lo stato di salute della persona, ma è una condizione che limita le attività sociali e deprime, a livello psicofisico, per la perdita di dignità e che ha quindi costi elevatissimi.

L’incontinenza urinaria può colpire uomini e donne ed è legata a condizioni patologiche differenti, tra cui età avanzata, tumori, disturbi neurologici ed infezioni del tratto urinario. Se alcune delle cause elencate comportano disagi passeggeri e facili da curare, altre possono rivelarsi assai durature.

E’ più che mai necessario soffermarsi sulla definizione di corretti percorsi diagnostico, terapeutici e assistenziali e contribuire per attivare un’efficace consapevolezza di informazione e comunicazione verso i pazienti, il mondo sanitario (medici specialistici, fisioterapisti, etc), le istituzioni (nazionale, regionale e locale) che devono considerare questi disturbi vere e proprie patologie di cui si deve parlare e organizzare le risorse necessarie per la soluzione del problema.

Perché una domanda sorge sempre più forte: “C’è una malattia, un disturbo, una disfunzione che nel 2019, nel Mondo Occidentale, non venga curata mentre sia possibile farlo?” E la risposta è una sola: “Sì, una. l’incontinenza!”

Nel corso della conferenza stampa, il Dott. Risi ha raccontato l’incontinenza. Anzi, le incontinenze. Già perché di incontinenza ce ne sono diversi tipi: da sforzo, da urgenza, mista. E riguardano uomini, donne e pure bambini! Poi è passato a spiegare come si manifestano, quali ne sono le cause, a chi può venire e, soprattutto come si curi. A proposito di terapie, dopo avere sottolineato come la terapia riabilitativa sia la scelta da fare sempre, ha spiegato la necessità dell’uso anche di farmaci. Si tratta di farmaci che in alcuni non sono coperti dal Servizio Sanitario e il cui costo, a volte oneroso, rende problematico – a volte, impossibile – per le persone seguire le cure in modo corretto.

Pasquale Intini ha raccontato l’altra faccia di questa storia: quella vissuta dal paziente e quella di cui è testimone l’associazione. Il problema dell’incontinenza ormai più che un problema sanitario è diventato un problema culturale. Da una parte, ci rifiutiamo di parlarne. Ci pare un tema troppo delicato, ce ne vergogniamo, rifiutiamo di prendere anche solo in considerazione l’argomento. “Non è un tema per me”, è il pensiero di chiunque cui si propnga l’argomento. Dall’altra, accettiamo che l’incontinenza sia diventata una cosa tanto normale da fare spendere milioni e milioni di Euro alle aziende che producono pannolini, facendo pubblicità in prima serata sui canali televisivi nazionali.

In questo contesto, la notizia che la Solifenacina – una molecola dotata di proprietà di tipo anticolinergico, un antispastico delle vie urinarie – sia disponibile in modalità generica e che un’azienda come la Doc Generici la distribuisca ad un prezzo ridotto quasi dell’80%, apre una speranza. Forse la prospettiva che l’incontinenza non venga più trattata come un male minore e che le possibilità di cura si aprano, si fa un po’ più concreta.

La parola a Fincopp Lombardia, dunque, per contribuire a fare uscire l’incontinenza dal cono d’ombra nel quale è stata sempre cacciata.

 

Documenti:

3.12.2019 – Comunicato stampa

Presentazione:

Incontinenza. Un problema diffuso e curabile

Servizi televisivi:

Rassegna Media:

Il Giorno – 4.12.2019 – Incontinenza
Libero – 8.12.2019 – Incontinenza

Incontinenza urinaria, ne soffrono 5 milioni di italiani. Nuove molecole agiscono sui sintomi riducendo il disturbo Insalutenews.it, 4 Dicembre 2019

http://www.farmacia.it/notizie/ Farmacia.it, 4 Dicembre 2019

Incontinenza urinaria, ne soffrono 5 milioni di italiani. Nuove molecole agiscono sui sintomi riducendo il disturbo Mondomedicina.it, 4 Dicembre 2019

INCONTINENZA: INFORMAZIONE, RIABILITAZIONE E NUOVI FARMACI PER COMBATTERLA Vogliadisalute.it, 06.12.2019

https://www.pazienti.it/news-di-salute/incontinenza-cure-farmacologiche-esercizi-06122019 Pazienti.it

DISFUNZIONI DEL PAVIMENTO PELVICO – NUOVE MOLECOLE AGISCONO SUI SINTOMI RIDUCENDO L’INCONTINENZA URINARIA Imalatiinvisibili.it, 05.12.2019

Galleria immagini:

Lascia un commento

Chiudi il menu

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.